000_3305.jpg

Cantante, compositrice, scrittrice, attrice e pittrice.

 

Nata a Los Angeles, California, figlia maggiore di Tyrone Power e Linda Christian.

Dopo il divorzio dei suoi genitori, nel 1956, Romina Power viaggia per il mondo ma vive prevalentemente in Messico e Italia dove passa la maggior parte della sua infanzia. Negli anni '60 Romina frequenta un collegio in Inghilterra, dove scopre la musica emergente. Affascinata dai Beatles e Bob Dylan, trova l’ispirazione per iniziare a comporre le sue canzoni. Dopo la scuola in Inghilterra, torna a Roma, dove all'età di 13 anni viene scoperta dal cinema e prende parte a diversi film. Romina si fidanza giovanissima con il principe Stanislas Klossowski De Rola Balthus, detto Stash.

 

Nel 1965 debutta nel mondo del cinema con il film “Ménage all’italiana”, al fianco di Ugo Tognazzi. L’anno seguente prende parte al film “Come imparai ad amare le donne”, per la regia di Luciano Salce, pubblicato in dvd in Germania con il titolo “Das gewisse etwas der frauen”. Per Romina inizia un periodo intenso dove si dedica al cinema e gira ben 14 film in cinque anni. Tra i titoli, “Assicurasi vergine” con la regia di Giorgio Bianchi, “Israel is real” con Charles Aznavour, “Vingt-quatre heures de la vie d’une femme” con Robert Hoffmann, lo sceneggiato televisivo “Nero Wolfe – circuito chiuso” con Paolo Ferrari e Tino Buazzelli, “Justine” al fianco di Sylva Koscina e Klaus Kinski e “Le trombe dell’Apocalisse” con Brett Halsey e Marilù Tolo.

 

Nel 1966 l’etichetta discografica Arc, che fa capo alla RCA, le offre la possibilità di incidere un 45 giri. Venne scelta una composizione di Gianni Meccia dal titolo “Quando gli angeli cambiano le piume”, con la cui B-side “Apri quell’ombrello” partecipa per la prima volta ad un programma televisivo, lo storico Studio Uno ’66, condotto da Ornella Vanoni.

 

Contemporaneamente interpreta alcuni film al fianco di Al Bano, Nino Taranto, Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, Bice Valori, Paolo Panelli e Lino Banfi. Tra questi, ”Nel sole”, “L’oro del mondo”, “Mezzanotte d’amore”, “Il suo nome é Donna Rosa”, “Pensando a te” e “Angeli senza paradiso”. 

 

Sul set di “Nel Sole”, incontra il suo futuro marito, il cantante Al Bano Carrisi. Si sposano nel 1970. 

 

La Emi, attraverso l’etichetta Parlophone, pubblica il 45 giri “Acqua di mare”, una canzone composta dallo stesso Al Bano con testo di Vito Pallavicini e con la quale Romina partecipa al Festivalbar, nella “Sezione verde” riservata agli artisti giovani, aggiudicandosi poi la prestigiosa vittoria. Il 45 giri scala immediatamente la hit parade divenendo uno dei dischi più richiesti dell’Estate con oltre 600 mila copie vendute. “Messaggio”, inserita nel lato B è composta interamente da Romina, con la partecipazione della sorella Taryn. L’eco del successo arriva anche all’estero, in particolare in Giappone e in Francia, dove il disco viene stampato con una differente copertina, mentre per il mercato spagnolo viene realizzata la versione in lingua, “Agua del mar”. Qualche mese dopo arriva un nuovo 45 giri, “La mia solitudine”, anch’esso ben accolto dal pubblico. Romina è così annoverata tra i big della canzone e pertanto viene scelta insieme ad altri artisti per la realizzazione di un album a tema natalizio, “Noel 2”, pubblicato a ridosso delle festività di fine anno dalle Edizioni Paoline dove interpreta una delicatissima e personale versione di “Tu scendi dalle stelle”.

 

L’anno successivo partecipa a “Un Disco per l’Estate” con “Armonia”. Romina, insieme a Massimo Ranieri e Alighiero Nochese conduce lo show “Doppia Coppia” che veniva trasmesso su Rai Uno in prima serata il sabato sera. Il disco viene pubblicato anche in Germania con una diversa grafica.

 

Durante le varie puntate del programma televisivo, Romina propone varie canzoni che andranno poi a far parte del suo primo album dal titolo “12 canzoni ed una poesia”, edito nel 1971. Oltre ai brani precedentemente pubblicati sul 45 giri, il 33 giri contiene alcune cover internazionali, motivo per cui risulta abbastanza ricercato dai collezionisti esteri. Di classe le interpretazioni di “Something” dei Beatles, la celebre bossa nova “Zozoi” di Nelson Angelo, “Make It with you” di David Gates e “Que serà serà”, nota hit di Doris Day scelta anche come singolo che Romina proporrà in una puntata di Canzonissima ’71. A chiudere il disco una toccante poesia composta da Romina, “Una madre, un bambino, il tempo ed io”, recitata con particolare intensità. Disco oggi di difficilissima reperibilità è questo album con stampa giapponese, impreziosito da una splendida copertina. 

 

Nel 1972 Romina è nuovamente protagonista a “Un Disco per l’Estate” con la canzone “Nostalgia” composta da Maurizio Fabrizio. “Fragile storia d’amore” è invece il successo presentato l’anno dopo a Canzonissima, il cui 45 giri verrà stampato anche in Spagna. Dopo la pubblicazione del singolo “Con un paio di blue jeans (è sempre estate in America)”, che la Emi immette sul mercato nel ’73, Romina partecipa l’anno dopo per la quarta volta alla rassegna estiva di Saint Vincent, “Un Disco per l’Estate”, presentando la canzone “E le comete si distesero nel blu”, composta da Maurizio Fabrizio insieme ad Alberto Salerno. Segue la pubblicazione del suo secondo 33 giri dal titolo “Ascolta, ti racconto di un amore” vero e proprio concept album composto interamente da Romina, in cui risalta la sua straordinaria sensibilità e vena poetica. In futuro, l’artista indicherà questo lavoro come il suo più rappresentativo, prima di incidere l’album “Da Lontano”. 

 

“Con un paio di blue jeans”, ottiene intanto successo nell’edizione 1974 di Canzonissima. 

Per l’occasione la Emi pubblica la sua prima raccolta con l’aggiunta di alcune cover, anche in questo caso internazionali tra cui “Here, there and everywhere” dei Beatles e “Your Song” di Elton John tradotta in “Prendi la mia mano”. La raccolta viene realizzata nel solo supporto musicassetta.

 

Nel 1975, Al Bano e Romina Power diventano un duo popolare, e con "Storia di due innamorati" lanciano una fortunata serie di successi in varie lingue in vari paesi dell’America Latina, dell’Europa e in ex Ussr. Alla fine degli anni '70 hanno dominato le classifiche francesi con brani come "Des nuits entières", "T'aimer encore une fois" e "Et je suis a toi". Partecipano al disco per l’estate con “Dialogo”.

 

Il 1975 segna anche il ritorno di Romina davanti alla macchina da presa con due produzioni: lo sceneggiato televisivo “Signora Ava” e lo sceneggiato per la tv “L’uomo del tesoro di Priamo” dove interpreta due ruoli. Nello stesso anno incide, questa volta su etichetta Libra, fondata da lei e Al Bano, il 45 giri “Paolino Maialino” destinato al pubblico dei più piccoli. Nel 1976, partecipa per la prima volta al Festival di San Remo proponendo una sua composizione, “Non Due”. 

 

Nel 1976 Albano e Romina Power partecipano all’EuroFestival, con “We’ll live it all again”arrivando settimi.

 

Il 1979 la vede protagonista con la canzone “U.S. America”, versione inglese in chiave dance della precedente incisione “Con un paio di blue jeans”. L’anno seguente arriva invece la canzone “Laverne & Shirley”, sigla dell’omonima serie TV ed esce l’album “Aria Pura”. 

 

Nel 1980 Al Bano e Romina Power vincono il Kawakami award al Yamaha, pop festival in Giappone.

 

Nell’autunno 1981 è nel cast di “Fantastico 2” dove presenta, “Il ballo del qua qua” che ottiene uno straordinario successo raggiungendo la prima posizione della hit parade e restando per vari mesi al vertice della classifica di cui cinque settimane al secondo posto. Oltre che “Sharazan” cantata in coppia con Al Bano. 

 

Nel 1982 arrivano secondi al Festival di San Remo con “Felicità” e si piazzarono con 4 brani contemporaneamente nella hit parade,“Aria Pura” (sigla di Domenica In), “Felicità”, “Il ballo del qua qua” e “Sharazan”. 

 

Nel 1983 torna al cinema con il film “Champagne in Paradiso”. Nel 1984 con Al Bano vincono il festival di San Remo in Italia con "Ci sara’".

 

Nel 1985 Al Bano e Romina Power partecipano per la seconda volta all’EuroFestival con “Magic oh Magic”, anche questa volta si classificarono settimi.

 

I due artisti diventano popolari attraverso l’Europa con successi come, Felicita’, Tu soltanto tu, Liberta’, Sempre Sempre, Sharazan ed ancora oggi hanno un pubblico trasversale e generazionale che li segue con molto affetto. In Romania dopo la caduta del segretario generale del partito comunista rumeno e presidente Nicolae Ceausescu, la loro canzone, "Liberta'" e’ la prima canzone ad essere diramata alla radio.

 

Negli anni seguenti Romina si dedica alla scrittura dando vita a vari libri tra cui “Autoritratto dalla A alla R”scritto insieme ad Al Bano, “Cercando mio padre, Tyrone Power” una raccolta di interviste raccolte attraverso 25 anni, “Ho sognato Don Chisciotte”, inoltre ha tradotto dall’inglese “Kalifornia it’s here now” diario spirituale di Bhangavandas, personaggio della generazione beat americana, “Ti prendo per mano” e “Karma express”. 

 

Nel 1996 debutta nel film “Il ritorno di Sandokan” nel ruolo di Surama Maharani accanto a Kabir Bedi.

 

Nel 1999 torna in tv alla conduzione del programma "Per tutta la vita" al fianco di Fabrizio Frizzi. Conducono insieme 3 edizioni che vanno in onda in prima serata il sabato sera su Rai Uno. 

 

Romina nel 1999 partecipa alla mostra collettiva “One Night Exhibition”, che si tiene presso Villa Sospisio a Roma, insieme agli artisti anglosassoni John Bishop e Damien Rayne.

 

Dal 2000, Romina organizza diverse mostre delle sue tele, a Venezia, Roma, Milano, Firenze, Los Angeles e Santa Monica, Usa. 

 

Nel 2000 espone a Venezia al Museo di Santa Apollonia, mentre nel 2003 allestisce a Firenze presso il Palagio di Porta Guelfa, la mostra “The Power Of Color” e nel 2004, sempre a Firenze, nei pressi del Palazzo Medici Riccardi è protagonista di un’altra mostra collettiva dal titolo “Identita’ e Diversita’ - Il Cappello e la Creativita’ contemporanea” curata da Maurizio Vanni. L’anno successivo, la Galleria Tondinelli di Roma ospita la mostra “Indian Power”,  i cui dipinti sono ispirati all’India e realizzati a spatola con una pittura materica.

 

Nel 2001 farà parte del cast della piéce teatrale “I monologhi della vagina” per 3 stagioni e due anni dopo recita nella serie televisiva “Tutti i sogni del mondo” accanto a Serena Autieri e Nino Castelnuovo.

 

Nel 2004 dirige, scrive e produce il mediometraggio “Upaya” presentato a vari festival spirituali, tra i quali il Toronto Italian Festival. Il capolavoro viene pubblicato in un elegante box-libro con il dvd in allegato. Al progetto partecipa anche il figlio Yari.

 

Nel 2007 accetta un cammeo nel film “Go Go Tales” con Asia Argento e Riccardo Scamarcio.

 

Nello stesso anno Romina ritorna negli Stati Uniti per assistere sua madre malata.

 

Nel 2010 partecipa al programma “Ciak si canta” condotto da Carlo Conti, che va in onda su Rai Uno, dove riproponendo il grande successo “Acqua di mare” vince la gara televisiva .

 

Molte altre interpretazioni di Romina solista, distinte per classe ed eleganza, sono presenti anche negli album incisi in coppia con Al Bano. I suoi generi musicali sono orientati verso Bob Dylan, Beatles, jazz brasiliano, Mozart e i Badjans indiani. Importante è la canzone “Lord Byron” (tratto dall’album Sempre Sempre) impreziosita dalla voce del celebre padre Tyrone Power, presente come guest star nella recita di alcuni versi.

 

Nel 2013 l’atteso ritorno discografico di Romina Power è rappresentato dall’album “Da lontano”, pubblicato dall’etichetta Creative and Dreams Usa e prodotto in collaborazione con Yari Carrisi e Maurizio Fabrizio. Il singolo “Tears are not pearls” è la nuova reincisione del brano “Dear Mr man”, pubblicato per la prima volta nel 1978, presente in due versioni.

 

Il 2013 segna anche il ritorno di Al Bano e Romina Power a cantare insieme. Da allora hanno intrapreso delle tournée insieme in vari paesi ed hanno inciso un album live.

 

Nel 2014 Romina lancia il singolo “A message”. Nello stesso anno ritorna al cinema nel film “Il segreto di Italia”, con la regia di Belluco. 

 

Risale al 2020 la pubblicazione del cd “Raccogli l’attimo”, inciso con Al Bano, dove, oltre alle canzoni insieme, Romina interpreta due canzoni da solista 

“La luce che hai” e “Canzone complice”.

 

Degna di menzione e’ la realizzazione di alcuni cd di meditazioni guidate a cura del Centro di meditazione Kadampa. Durante il lockdown, Romina incide un audio libro del suo maestro spirituale Geshe Kelsang Gyatso “Come risolvere i nostri problemi umani” e traduce 2 libri dall’inglese “Vivere significativamente, morire gioiosamente” e “Lo specchio del Dharma”. 

 

Il 2022 inizia con una grande sorpresa, Romina viene invitata dal regista premio oscar Guillermo del Toro sul set del film “La fiera delle illusioni” remake di “Nightmare Alley”, celebre film del padre Tyrone Power, il regista le chiede di fare un’apparizione flash che lei accetta entusiasta. 

 

Romina ha quattro figli, Ylenia, Yari, Cristel e Romina. 

 

Ha tre cani Daisy, Taquito e Nala.

 

Romina è la testimonial in Italia per l'associazione Care e Share che segue l'adozione a distanza di bambini indiani provvedendo tutto il necessario per il loro sviluppo dall'asilo all'università e l'inserimento nel mondo del lavoro. Lei stessa ha adottato tre bambini.

 

Romina è inoltre ambasciatrice Internazionale di Mary's Meals, un'associazione nata in Scozia che provvede da mangiare per 2 milioni di bambini quotidianamente in 19 paesi nel mondo.

 

Attualmente Romina vive in Italia.